Effetto Covid a Roma: La rivalutazione dei piani terra con giardino

Nella città di Roma, ma non solo, le valutazioni dei piani terra sono sempre state inferiori a tutti gli altri livelli, fatta eccezione, chiaramente per quelli sottostanti.

I motivi sono tanti, dalla minore luminosità al maggior rumore (ed inquinamento) proveniente dalle strade, dal pericolo per i ladri fino al rischio topi e scarafaggi.

Fino a qualche mese fa noi agenti immobiliari faticavamo ad illustrare i lati positivi di un appartamento al piano terra, un pò perché le carte da giocare eran poche: millesimi condominiali inferiori ed accessibilità. Accessibilità, a Roma, molto rara anche nei piani terra poiché molto spesso nei condomini ci sono scalini da salire e poi da scendere. Ma diciamo, che in linea generale ci rimaneva un unico punto forza, e, molto spesso era l’unico a permettere la vendita, ovvero: il prezzo.

Tutto questo fino a qualche mese fa, appunto. E’ servito un lockdown perché tutti i giardini, finora utilizzati solo dai topi “rifiorissero” con un incremento di piante comprate su amazon che resterà nella storia.

Resteranno anche nella storia, tutti i proprietari di piani intermedi che non potendo vedere piscine e champagne negli attici, assistevano a grigliate ed allenamenti all’aperto o semplicemente invidiavano deliziose zone relax contornate da gerani e gelsomini.

Nessuno poteva prevedere… ma quel che rimane del lockdown nel mercato degli immobili, faticherà a scomparire. Il cittadino, inteso come colui che abita in città, ha riscoperto (finalmente!) l’importanza dell’aria aperta. Ma tutto ha un prezzo, ed i piani terra con giardino oggi valgono sicuramente di più. Che ne sarà dei primi piani senza balconi?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *